Una sfacciata teenager ha preso d’assalto il pop turco

Una sfacciata teenager ha preso d’assalto il pop turco

Gli ultimi gossip la vedono nel mezzo di una controversia per un’immagine condivisa su Instagram e rubata senza troppa grazia a una fotografa tedesca e in dubbio sul suo unirsi o meno all’allegra ciurma pronta a popolare la nuova stagione di Survivor. Nel frattempo, la 17enne cantante Aleyna Tilki coltiva sogni di fama internazionale e si gode un successo garantitole dalle sole due canzoni che abbia mai pubblicato, e dall’assurda quantità di pettegolezzi di cui è al centro.

Ragazzina del nuovo millenio, figlia di una donna del Mar Nero di un immigrato russo, Aleyna è nata nel marzo 2000 nella città centranatolica di Konya, un tempo nota come terra dei sufi e di recente proclamata “Capitale turistica del mondo islamico”. Aleyna è arrivata alla fama nel 2016, quando insieme al compositore Emrah Karaduman ha lanciato il suo primo singolo, Cevapsız Çınlama, che può vantare un successo incredibile, con un numero di visualizzazioni su YouTube che si colloca nell’ordine delle centinaia di milioni.

Non è stata solo la sua voce a fare di Aleyna una stella nascente del pop turco – se meteorica solo il tempo ce lo dirà – ma il dibattito che l’ha circondata per avere debuttato in età così giovane, con un video che non si faceva esattamente un punto del ricordare al pubblico che aveva ancora sedici anni. Una spregiudicatezza forse non così fuori luogo, per la stessa cantante che recentemente dichiarava: “Quando ero bambina ero la bambina più famosa della scuola, ora che sono cresciuto sono diventata la ragazza più famosa della Turchia”, aggiungendo che in effetti “nulla era cambiato” nella sua vita.

E tuttavia si sentiva obbligata a rispondere alle critiche. “Non mi trucco nemmeno – si lamentava in un’intervista – Il modo in cui vesto è adeguato alla mia età. In realtà, mi vesto in modo più giovane degli anni che ho. Le persone della mia età portano abiti che li fanno sembrare più grandi di me”.

E sembrava in effetti più giovane quando cantò un brano folk meglio noto per essere stato interpretato da stelle come Barış Manço e Selda Bağcan sul palco di Yetenek Sizsiniz Türkiye, la versione locale del formato televisivo Got Talent. Fu grazie allo show in onda su Tv8 che la giovane cantante fu notata dal produttore Emrah Karaduman, che avrebbe avuto un ruolo importante nei momenti successivi della sua carriera, co-firmando il singolo che ha fatto emergere Aleyna dalla sempre crescente folla delle meteore del pop turco.

Un legame, quello tra Aleyna ed Emrah, che ha fatto speculare i media turchi sulla sua natura. “Emrah Karaduman è stato accoltellato e Aleyna Tilki è corsa in ospedale”, titolava allusivamente il tabloid Posta nel marzo 2017, quando il produttore fu vittima di un’aggressione a Eskişehir.

Aleyna ha pubblicato il suo secondo singolo soltanto a luglio di quest’anno, di nuovo ammassando visualizzazioni con grande facilità e attirandosi meno piacevoli commenti. La maggiore critica è arrivata da chi trovava il video di Sen Olsan Bari francamente un po’ troppo simile a un paio di clip di Britney Spears. Un pensiero che non è escluso non sia stato fugato, dopo che lei (non) ha spiegato il perché.

“È normale che si assomiglino perché sono video di qualità – ha detto in un’intervista con il quotidiano turco Hürriyet – Quando Britney debuttò aveva solo 17 anni. Io ho 17 anni. Le persone di 17 anni si vestono in maniera simile, usano coreografie simili”. “Qualità” fu probabilmente la parola più ripetuta in quell’intervista, in cui Aleyna provava a spiegare come lei e il suo team avessero realizzato un singolo che potesse risultare più apprezzabile per un pubblico globale. Un fatto inconfutabile, se confrontato con il primo, di certo di successo ma sfacciatamente turco.


“Voglio essere una star internazionale, e questo è il primo passo”, confessava Aleyna, piuttosto sicura di essere già a metà strada e che sia solo una questione di tempo prima che il suo nome assurga a fama globale. “Se tra dieci anni non starò dando concerti in California – assicurava – sarò una casalinga”.

Solo il tempo saprà dirlo.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *